<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=406009&amp;fmt=gif">

Ransomware come difendersi: alza lo scudo aziendale

14 febbraio 2019 / da Cristina Oliveri

Ransomware come difendersi: alza lo scudo aziendale

I ransomware sono virus informatici che infettano i dati del tuo computer rendendoli inaccessibili, se non a fronte del pagamento di un “riscatto” (ransom) per ripristinarli. 

Dietro all’industria del ransomware non ci sono semplici hacker, ma vere e proprie organizzazioni criminali, con un altissimo livello di efficienza e organizzazione, che le ha portate ad aumentare negli ultimi anni di oltre il 90% il numero degli attacchi. Come proteggersi da minacce di questo tipo?

Uno dei principali canali di diffusione dei ransomware sono i banner pubblicitari, molto diffusi nei siti per adulti. Si presentano come un avviso, che sembra provenire dalla Polizia Postale o da altre organizzazioni, che ti suggerisce caldamente di effettuare un’operazione per la sicurezza del tuo dispositivo. Ma non è l’unica strada: si possono contrarre anche attraverso la ricezione di email, spesso mascherate con indirizzi di colleghi o conoscenti, che ti invitano a cliccare su un determinato link per scaricare un file.

A questo punto, dopo averti criptato tutti i documenti, comparirà sul tuo dispositivo una schermata con le indicazioni necessarie per il pagamento del riscatto e il ripristino dei tuoi documenti: parliamo di circa un migliaio di euro.

 

Ransomware come difendersi: prevenzione e ripristino

Prevenire è meglio che curare, diceva un noto spot televisivo degli anni ’90. Ecco, questo è uno di quei casi: la miglior protezione ai ransomware è la prevenzione.

Aggiorna costantemente il tuo antivirus e il sistema operativo del computer, oltre a fare periodicamente in maniera frequente un backup in un disco esterno o in cloud. In questa maniera, se anche il virus infettasse il tuo computer, potresti ripristinare agilmente i tuoi file.

Anche nello scenario peggiore, ovvero la mancanza di un backup, il primo passo è fare un’accurata ricerca per recuperare i file più importanti: senza che tu lo sappia potrebbero essere nel cloud, ad esempio in Dropbox o sistemi analoghi, che prevedono un salvataggio continuo dei dati... magari non nella versione più aggiornata, ma comunque in una dimensione parziale e non infettata dal virus.

In ogni caso, se dovessi mai incappare in questo spiacevole inconveniente, mai pagare il riscatto! Rivolgiti a un’azienda specializzata nella sicurezza informatica, che ti possa aiutare nell’immediato.

 

Ransomware come difendersi: la soluzione è ReeVo

I sistemi ReeVo sono la soluzione ideale per chi desidera disporre dei migliori servizi di backup e disaster recovery, indispensabili per combattere la diffusione del ransowmare.

Un’adeguata soluzione di backup e disaster recovery è un’importante assicurazione per te e la tua azienda, perché custodisce i tuoi dati e supporta i tuoi processi aziendali nel momento del bisogno, evitando il bloccaggio dei servizi IT e la creazione di danni economici e reputazionali irreparabili per il tuo business.

ReeVo mette inoltre a tua disposizione il Data Center Data4, il più grande di Milano, realizzato con le ultime soluzioni in materia tecnologica e certificato con i più alti standard qualitativi e di sicurezza TIER IV. Se desideri avere maggiori informazioni su questo strumento e su come difendere i tuoi dati da virus ransomware, richiedi una consulenza gratuita alla nostra specialista.

Trova la soluzione cloud adatta alla tua azienda

Categorie: Disaster Recovery, Datacenter, Protezione dei Dati

Cristina Oliveri

Scritto da Cristina Oliveri

Da vent’anni nel settore IT con Vendor e distribuzione per approdare infine al mondo Cloud nel momento più promettente per la proposizione di queste soluzioni. Le mie passioni sono vendere, viaggiare e creare dolci... I denominatori comuni sono tempo, entusiasmo e dedizione.

New call-to-action

ISCRIVITI AL NOSTRO BLOG

LEGGI GLI UTLIMI ARTICOLI